Piccoli Spazi Per Un Grande Evento

Come creare un angolo-bimbo nella camera matrimoniale

0_INTRO

È ormai pratica frequente che le coppie di neo-genitori decidano di condividere la propria stanza con il figlio appena nato, creando un angolo apposito in cui riporre la culla e tutti gli accessori a lui congeniali.

L’esigenza di far fronte alla carenza di spazio si coniuga con i suggerimenti degli esperti, i quali consigliano di far dormire il neonato vicino ai genitori almeno per i primi mesi di vita, al fine di rispondere con prontezza alle sue necessità.

Oggi vi presentiamo alcune proposte per allestire al meglio il vostro angolo-bimbo trasformando lo svantaggio di avere poco spazio a disposizione, in un pregio da potenziare attraverso alcuni accorgimenti.

1_LA CULLA

In primo luogo scegliete accuratamente la corretta posizione del vostro angolo-bebè: è un aspetto che non va sottovalutato perché condiziona importanti parametri per la salute del neonato!

La postazione dev’essere ben areata ma allo stesso tempo non troppo vicina ad una finestra, per evitare l’esposizione a correnti d’aria e rumori forti; deve inoltre mantenere una temperatura il più possibile costante e compresa tra i 18 e i 22 gradi.

In secondo luogo dovrete decidere se optare per una culla vera e propria, adatta solo per i primi mesi di vita, a causa delle ridotte dimensioni, o per un lettino, da usare anche quando il bambino sarà un po’ cresciuto. In quest’ultimo caso è bene procurarsi appositi riduttori al fine di far sentire il piccolo protetto ed avvolto anche in un ambiente più grande.

1_CULLA1

Qualunque sia la vostra scelta preferite un modello ad emiciclo che vi permette di risparmiare spazio e di avvicinarlo al letto durante la notte. In tal modo vengono facilitati l’allattamento e il rapporto di attaccamento tra mamma e neonato.

Tali esemplari sono dotati di un lato apribile e di ganci funzionali x il fissaggio al letto in totale sicurezza.

Potete optare per modelli con ruote, da spostare agevolmente all’interno della casa, o richiudibili, ideali per i viaggi o per luoghi particolarmente angusti.

1_CULLA2

2_IL FASCIATOIO

Quando l’area della stanza è limitata dobbiamo sfruttare tutte le superfici e arredare anche le pareti verticali. Suggeriamo di scegliere un fasciatoio a muro che si possa agevolmente aprire all’occorrenza e dotato di ripiani interni in cui riporre pannolini, salviette e tutto l’occorrente. Preferite un modello dotato di materassino coperto con materiale impermeabile e avente bordi stondati, imbottiti e anticaduta.

Se invece disponete già di una cassettiera in camera con un ripiano di almeno 60×80 cm vi basterà aggiungere un materassino per ottenere un funzionale fasciatoio. Integrate il tutto con una parete attrezzata fai-da-te, formata da mensole o scaffali, in cui sistemare tutto il necessario per il cambio.

2_FASCIATOIO

3_IL TAPPETO

Dotate il vostro angolo bimbo di un tappeto, accessorio utile anche nei primi mesi, in quanto gli permette di muoversi sulla pancia, sviluppando i muscoli e la capacità di coordinamento. Dev’essere un modello morbido ma privo di peli che possono staccarsi ed essere ingoiati. Fissatelo a terra con appositi ferma tappeto, per evitare che il bambino possa scivolare mentre cerca di muoversi, e curate la scelta del materiale che deve essere facilmente lavabile, antiacaro e anallergico.

 

4_LUCI E COLORI

Sono aspetti fondamentali per stimolare i sensi del bimbo e per differenziare le funzioni della vostra piccola stanza evitando che il disordine si propaghi e che non vi sia più differenza tra lo spazio di coppia e quello dedicato al figlio. Dotate l’angolo bebè di una piccola luce soffusa, dalla tonalità calda, che vi consente di rispondere con prontezza alle esigenze del bimbo senza essere costrette ad accendere la luce della camera.

Decorate la zona con una carta da parati colorata, magari con dei disegni che rassicurino il bimbo e stimolino la sua immaginazione. Potete optare per una carta parati 3d che riesce a stimolare anche il senso del tatto attraverso l’effetto rilievo che si ottiene staccandone i pezzettini dalla parete.

4_CARTA DA PARATI

Ora sta a voi neo-genitori! Create il vostro angolo-bebè x godervi a pieno l’esperienza di una vita.

Francesca Laghi

logo_progettazionecasa.com

SEGUICI SU