La Carta Che Rivoluziona l’Ambiente

carta

Per dare un nuovo look alla nostra casa possiamo avvalerci di una soluzione raffinata che è tornata alla ribalta e dai risultati sorprendenti: la carta da parati.

Dopo il boom avuto negli anni “70 dove si usava rivestire tutte le pareti di casa con la carta da parati ottenendo un effetto piuttosto piatto, uniforme e monotono, è caduta in disuso. Oggi però il suo utilizzo è tornato di gran moda ma per valorizzare gli ambienti rivestendo solo ciò che si vuole esaltare: una nicchia, un elemento architettonico, una parete col camino, la testata del letto, la camera dei bimbi, la parete dietro al divano, un angolo della stanza etc… è possibile anche “giocare”con le strisce di carta, ottenendo ottimi risultati, applicandole a ridosso del soffitto, del battiscopa o come cornice. L’importante è non abusarne per non ricadere nella monotonia e rischiare di stancarsene presto.

Rispetto alla classica tinta, questa soluzione da un lato risulta essere poco più costosa sia per la materia prima che per la posa in opera (se avete un minimo di manualità potreste posarla da soli) e dall’altro è ecologica e con una manutenzione minimaha un’ottima durabilità ammortizzando così i costi. La carta inoltre offre la possibilità di sbizzarrirci in quanto esistono fantasie di tutti i generi che saranno in grado di rivoluzionare la stanza con un semplice tocco: geometriche, floreali, astratte, classiche, dai colori vivaci o tenui, 3d, glamour, metallizzate, di velluto, di stoffa fino alla riproduzione di mattoni, legno o ceramica; persino i grandi designer e stilisti di moda firmano carta da parati per non parlare della possibilità di utilizzare i fotomurali che risultano essere vere e proprie immagini panoramiche. Insomma, ce n’è per tutti i gusti, per tutte le tasche e per tutti gli ambienti della casa.

arredo_casa_colore

È importante sapere che acaratteristiche diverse corrispondono materiali diversi in quanto l’elemento che distingue una carta da un’altra è innanzitutto il materiale di cui è fatta, per questo motivo bisogna scegliere quella giusta che fa al caso nostro perché è da tener presente che non cambiano solo le caratteristiche tecniche ma anche la resa estetica. Esistono infatti parati di carta, pvc, stoffa, fibra di vetro, tnt etc…

 

CARATTERISTICHE

  • RESISTENZA: non tutte le carte hanno spessori uguali, a spessore maggiore corrisponde una maggior resistenza e un aiuto a nascondere le imperfezioni della parete sottostante se il muro su cui si andrà ad applicare la carta non è perfettamente liscio come dovrebbe essere (prima della posa è importante preparare adeguatamente la parete).
  • LAVABILITÀ: è uno dei maggior pregi delle carte che la propongono in quanto questa caratteristica la rende adatta anche all’applicazioni in bagno e in cucina. Per lavabile si intende che lo sporco può essere rimosso facilmente con una spugnetta umida di sola acqua o saponi neutri (non prodotti aggressivi) ed è resistente allo sfregamento, non vigoroso, con spazzole morbide. Attenzione alla carta di cellulosa perché non è lavabile e non resiste agli sfregamenti se non molto molto delicati.
  • IGNIFUGITÀ: è fondamentale per l’applicazione nel settore alberghiero e navale per rispondere ai criteri di sicurezza e prevenzione incendi ma anche se la vogliamo posare nelle zone vicino ai fornelli della cucina.
  • ANTISISMICITÀ: esiste unacarta da parti di altissima tecnologia con fibra di vetro che svolge addirittura una funzione antisismica ritardando il distacco di elementi murari e aumentando così il tempo di evacuazione di un edificio colpito dal sisma.
  • ACUSTICHE: esistono carte ad elevato isolamentoacustico e assorbimento dell’effetto eco che possono essere utilizzate anche a soffitto e pavimento.
  • OUTDOOR: un sistema innovativo di rivestimento murario per facciate e superfici esterne che oltre ad offrire la possibilità di decorare, tipico della carta da parati, in armonia con il paesaggio, aggiunge importanti caratteristiche strutturali che consolidano la parete sulla quale è applicata resistendo agli urti, strappi, abrasioni e agenti atmosferici come pioggia e raggi UV.
  • RESISTENZA AGLI AMBIENTI UMIDI: è un rivestimento pensato proprio per centri benessere, docce e bagni che grazie alla sua impermeabilità resiste all’umidità, all’acqua, all’abrasione, all’aggressione dei prodotti chimici e all’ingiallimento. Può essere tranquillamente usato in sostituzione del rivestimento ceramico.

TIPOLOGIE DI CARTA

  • PARATI DI CARTA: sono in cellulosa naturale monostrato, risultano essere leggere e temono l’acqua e possono avere la superficie liscia o goffrata. Per renderle più resistenti si può spalmare sopra un impregnante vinilico protettivo.
  • PARATI IN VINILE: sono lavabili e più robuste e durature. Ne esistono di 2 tipi: o con il sottofondo in tnt (tessuto non tessuto) più consistente e adatto a bagni e cucine, o in carta rivestita da uno strato di pvc.
  • PARATI IN TNT: sono in tessuto non tessuto facilmente lavabile, mantengono i colori inalterati nel tempo richiedendo pochissima manutenzione e risultano “vellutate” al tatto.
  • PARATI IN FIBRA NATURALE: la possiamo trovare in cotone, juta o lino, sughero, pelle ma anche in bambù e seta (molto pregiati perché dipinti a mano). Originali sono quelle in fibra di vetro (può essere dipinta) e in paglia o fibra grezza.

carta_parati

Al momento dell’acquisto prestare attenzione al fatto che alcune carte a lungo termine non lasciano traspirare la parete, meglio perciò optare per quelle traspiranti dotate del certificato VOC/VOL, classe A+ da applicare con colle adatte: è un aspetto da non sottovalutare come è da tener presente che normalmente viene venduta in rotoli da circa 0,50 x 10 metri.

Ora hai un’arma in più per combattere la monotonia e rivoluzionarela tua casa osando con la carta da parati, non te ne pentirai e potrai facilmente utilizzarla anche per seguire i consigli del post “Trucchi per una stanza difettosa”.

 

 

Chiara Tirelli

Milano-LOMBARDIA

logo_progettazionecasa.com

SEGUICI SU