Il Colore Nell’ Arredamento

colore arredamento

Gli arredi utilizzati per i diversi ambienti di un’abitazione possono variare il loro effetto visivo rispetto al colore del fondo di visuale e al restante mobilio che li accompagna. L’ambiente visivo quindi svolge un ruolo molto importante nell’espressione del mobile scelto per una determinata area. Lo sfondo sul quale scegliamo di collocare un arredo può fare spiccare i mobili positivamente, facendoli apparire più attraenti. Al contrario, uno sfondo inadeguato può competere con gli arredi e diventare lui stesso protagonista.

La composizione dell’arredo con lo sfondo deve trovare un equilibrio tra le sensazioni che può produrre lo sfondo e la sensazione desiderata per quell’ambiente.

Il colore espresso nello sfondo visivo dell’arredamento integrerà l’arredamento stesso per ottenere un ambiente sereno o aggressivo.

Ad esempio, per l’arredo degli interni di un’abitazione, l’uso di qualsiasi colore nella gamma di tonalità blu o derivati, aiutano a dare la giusta serenità per una zona di riposo. Un colore che tende invece ad un tono scuro, può essere utilizzato su tutte le pareti di una stanza, preferibilmente quando il colore dei mobili è bianco, così come nei toni del legno chiaro.

Per gli arredi in legno con tonalità intermedie occorrono colori morbidi sulle pareti in modo da evidenziare le fibre del legno, portando i mobili su un primo piano visivo dell’attenzione. D’altra parte, nei progetti di interni moderni dove gli arredi sono semplici e lineari, spesso a contrasto ci sono sfondi con colori caldi e neutralità nel colore dei dettagli come metalli, acrilico o vetro.

cucina verde

Oltre al colore, alle pareti possono essere applicati materiali con texture o rivestimenti murali, che aggiungono colore e movimento alla composizione degli arredi.

Una delle ultime tendenze in fatto di stili è lo stile eclettico, in cui vengono mescolati gli stili classici con stili moderni, questo ha portato all’utilizzo di colori e stampe moderne applicate a mobili tradizionali. Allo stesso modo, è possibile vedere dei rivestimenti in stile classico utilizzati per un arredamento moderno, a testimonianza della ricerca di un equilibrio di espressione tra passato e presente.

colore design

IL COLORE NEL DESIGN

Il design e il colore? Una questione di valorizzazione dell’arredamento. Non è un caso, dunque, che il colore abbia trionfato in numerose fiere di design diventandone un grande protagonista.

decorazioni arredamento colori

Negli ultimi venti anni abbiamo vissuto in una cultura “acromatica”: nell’architettura ha dominato il bianco, nel design a farla da padrone è stato il grigio metallizzato, mentre nella moda il protagonista assoluto è stato il nero in risposta alla necessità di modelli estetici filiformi. Attualmente, invece, c’è una nuova voglia di colore, a patto, però, di non utilizzarlo in modo troppo spontaneo e non supportato da conoscenze specifiche ed adeguate. Spesso il colore viene ancora considerato come una semplice decorazione, mentre andrebbe utilizzato in un’ottica più ampia e in particolare come una combinazione tra arte e scienza in modo da rappresentare una nuova frontiera per i progettisti. Ad esempio, si è scoperto che il colore viola in sala operatoria rappresenta uno strumento utile per sterilizzare le attrezzature chirurgiche. Allo stesso tempo il design cinestetico sottolinea come i colori abbiano anche la capacità di attutire i rumori.

IL COLORE SUL LUOGO DI LAVORO

Le preferenze culturali, geografiche e personali influenzano l’atteggiamento verso il colore. Poiché ogni persona reagisce in modo diverso al colore, l’ambiente ideale dovrebbe essere molto personale, cosa che è difficile da ottenere in un ufficio. Questo mette in evidenza l’importanza dei colori ergonomici nel lavoro.

colori ufficio

Il campo di vista dell’utente in ufficio (piani di lavoro e schermi) è particolarmente importante per il suo benessere. Colori non ergonomici, come schermi rossi o un alto contrasto tra scrivanie di colore nero e il foglio di carta bianco, ostacolano la concentrazione producendo un affaticamento degli occhi e stress. Pertanto, le aziende che decidono di riprogettare i loro uffici dovrebbero prestare maggiore attenzione ai posti di lavoro permanenti nelle aree di accoglienza o di passaggio.

Per evitare la monotonia, l’uso del colore dovrebbe cambiare a seconda delle attività svolte in ambienti differenti, ma sempre evitando un eccessivo contrasto di colori nello stesso ambiente.

Un giusto equilibrio di colori, materiali e texture è in grado di fornire un tipo di stimolo sensoriale di cui abbiamo bisogno per essere creativi e produttivi sul lavoro. Le sfumature di colori e i diversi gradi di trasparenza e luminosità possono contribuire a creare questo ambiente diversificato.

materiali texture contrasti

IL COLORE NELL’ARREDO URBANO

La progettazione dell’arredo urbano deve generare una risposta estetica, funzionale ed ergonomica e deve essere adeguata all’utilizzo dello spazio pubblico. Ciò è essenziale per la comprensione dell’ambiente e per un’attenta lettura del comportamento dell’arredo urbano nel contesto dove sarà posizionato, ancor di più lo sarà se viene inserito in aree con peculiarità costruttive, come i centri storici.

Una delle caratteristiche che deve essere presa in considerazione dalla loro condizione rappresentativa e comunicativa è l’ “Ergonomia del colore”, che aiuta il corretto rapporto tra l’ambiente e la psiche di chi ci vive, attraverso non solo al linguaggio semiotico del colore, ma anche attraverso informazioni, esperienze percettive, sentimenti e comportamenti.

arredo urbano colori

Dato che lo scopo dell’arredo urbano è quello di rendere più vivibili e confortevoli gli spazi pubblici, considerando il carattere psico-percettivo delle persone che fruiscono tali spazi, nel tempo si è venuto a creare una sorta di “slang” cromatico urbano, ossia una sorta di convenzionalismo. Ad esempio alcuni bidoni della spazzatura sono verdi come simbolo ecologico e di pulizia, gli arredi delle banche sono in legno naturale per generare un ambiente caldo che ricordi quello della propria abitazione, molti elementi come cancelli, panchine, cestini ed altro nei parchi pubblici sono verniciati di verde per armonizzare con l’ambiente, fornendo così una sensazione di riposo, gli idranti che servono per spegnere incendi sono di colore rosso, ecc.

L’arredo urbano deve dunque fornire all’utente la possibilità di distinzione e di trasmissione del messaggio attraverso il suo cromatismo.

Cristina Ciccone
Cristina Ciccone

Napoli-CAMPANIA

logo_progettazionecasa.com

SEGUICI SU